lunedì 14 giugno 2010

Ciclisti d'altri tempi.. 1

Gazzetta Piemontese del 1 febbraio 1873, pagina 1 rubrica FATTI DIVERSI
Un viaggiatore instancabileLa Suisse radicale racconta che un amatore partito da Lione la mattina del 13 corrente, alle quattro, sopra un velocipede, arrivò nella sera stessa in Ginevra, percorrendo in sole 17 ore la distanza di 36 leghe che separa queste due città. Alle 10 1/4 antimeridiane dell'indomani ei ripartì alla volta di Lione, per nulla stanco od incomodato, a quanto assicurò egli stesso, come se non fosse nepure uscito dalla sua camera da letto.

2 commenti:

mr. friess ha detto...

Naturalmente era in singlespeed e su strade sterrate..!

france ha detto...

..forse dovremmo ispirarci di più al ciclismo degli albori...